E' come sentirsi il cuore bloccato nella gola, mentre scendi e cerchi di guardare in basso, ma l'altezza, il vento e la velocità fanno sbattere gli occhi.
E tutto appare indefinito e immediato e senza rimedio.
Ed il cuore rimane lì, senza pulsare, gonfio di così tanta roba che solo un taglio potrebbe rilassarne le pareti, pressate da tutti i rimorsi che il tempo non è riuscito a disinnescare.

Post più recente Home page